Sezione Astrofotografia
Unione Astrofili Italiani
 

Risorse
 Home
 Deep sky
 Reflex digitale
 Camera CCD
 Reflex analogica
 Ottica adattiva
 Narrow band
 Imaging dalla città
 Drift Scan
 High res
 Pianeti
 Luna
 Area tecnica
 Tecniche e
 metodotologie
 Elaborazione
 Time-lapse
 News
 Mailing list
 Premio Nazionale
 di Astrofotografia
 F. Longarini
 Galleria
 Astroimmagini UAI
 Premio
 Longarini
 Informazioni
 Lo Staff
 Contattaci
 

Cerca


 

ADS
 

ADS
 

   Warning: preg_match(): Unknown modifier '2' in /web/htdocs/astrofotografia.uai.it/home/includes/counter.php on line 50
Fotografia del profondo cielo con la fotocamera reflex a pellicola
L'ultimo capitolo di un sistema di ripresa ben sfruttato negli anni passati, ma che può ancora essere impiegato con profitto. Storia, metodologie, tecniche e quant'altro è stato e ancora potrà dare, la fotografia analogica applicata al cielo profondo.


Per oltre un secolo l'emulsione chimica è stata l'unico sistema ricettivo in grado di registrare su di un supporto stabile e inalterabile le deboli immagini di stelle, nebulose e galassie.

Con l'avvento tecnologico di questi ultimi anni, è iniziato il lento declino della pellicola fotografica, sia nell'ambito professionale (da diversi anni completamente abbandonata) che in quello amatoriale. Pur riconoscendo i limiti e la complessità del sistema, viene spontaneo domandarsi se è tuttora possibile impiegare con profitto, in astronomia, l'emulsione fotografica.

Potrebbe sembrare anacronistico continuare ad impiegare ostinatamente la pellicola fotografica per le riprese di oggetti del profondo cielo. Eppure c’è ancora chi la usa. Sarà per puro piacere personale, o per non svendere l'attrezzatura acquistata con anni di sacrifici, oppure all'opposto, approfittando di ottime offerte nel mercato dell'usato dove è possibile, mai come prima d'ora, trovare occasioni più uniche che rare. Esiste infatti la possibilità di entrare in possesso di ottiche superlative o di camere fotografiche altamente professionali a prezzi stracciati e impensabili.

Approfittando di queste opportunità è possibile dischiudere alcuni settori di ripresa dove, operando con accortezze e metodologie specifiche, è possibile raggiungere ancora risultati ragguardevoli, un tempo solo appannaggio di istituzioni professionali.

Infine c’è da supporre che sparsi per l’intera nazione esistano archivi fotografici analogici realizzati da diversi astrofili che in anni passati hanno raccolto decine, centinaia se non migliaia d’immagini di vecchi eventi astronomici, o di aree di cielo più o meno vaste, relegando in scantinati, soffitte o cassetti dimenticati, un patrimonio da molti sottovalutato.

Oggi più che mai è possibile attraverso l’impiego di opportuni scanner “rinvigorire” queste vecchie glorie. Documenti che hanno fermato un’epoca della nostra storia recente dell’universo che, una volta recuperati, possono costituire ancora una testimonianza e un termine di paragone.

Danilo Pivato

Sezione Astrofotografia

Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta, tutto il resto ® 2008 http://astrofotografia.uai.it
SEO Blog | Photoshop CS6 keygen
PHP-Nuke è un software libero rilasciato con licenza GNU/GPL.
Versione PHPNuke Donkeys by www.phpnukefordonkeys.com
Webmaster Gennaro Cinquegrana (rino) & Christian Gentile (MisterMAD)
Generazione pagina: 0.07 Secondi