Sezione Astrofotografia
Unione Astrofili Italiani
 

Risorse
 Home
 Deep sky
 Reflex digitale
 Camera CCD
 Reflex analogica
 Ottica adattiva
 Narrow band
 Imaging dalla città
 Drift Scan
 High res
 Pianeti
 Luna
 Area tecnica
 Tecniche e
 metodotologie
 Elaborazione
 Time-lapse
 News
 Mailing list
 Premio Nazionale
 di Astrofotografia
 F. Longarini
 Galleria
 Astroimmagini UAI
 Premio
 Longarini
 Informazioni
 Lo Staff
 Contattaci
 

Cerca


 

ADS
 

ADS
 

   Warning: preg_match(): Unknown modifier '2' in /web/htdocs/astrofotografia.uai.it/home/includes/counter.php on line 50
Drift Scan: un sistema di ripresa dalle grandi potenzialità
Noto anche come TDI (Time Delay Integration), il Drift Scan è una tecnica di ripresa deep-sky che utilizza metodologie e tecniche completamente diverse dall'astrofotografica tradizionale.


A differenza di una ripresa tradizionale, il cui il moto siderale viene compensato tramite la montatura del telescopio che garantisce un inseguimento di tipo meccanico, in una ripresa in Drift Scan l'inseguimento le stelle viene effettuato in modo elettronico, sfruttando alcune caratteristiche proprie dei sistemi CCD.

In pratica, tenendo la camera ferma, si leggono le righe del CCD con la stessa velocità con cui una stella le attraversa: in questo modo la stella sembra ferma e l'immagine non viene mossa.

La tecnica del Drift Scan è molto usata in ambito professionale, ma è ancora poco diffusa tra gli astrofili, nonostante abbia numerose caratteristiche positive.

E' infatti possibile riprendere immagini da molti megapixel con sensori CCD piccoli ed economici perchè la dimensione dell'immagine non è più limitata dalle caratteristiche fisiche della matrice di pixel del sensore, ma solo dal tempo di ripresa.

Non sono necessarie montature di elevata qualità, perchè l'acquisizione delle immagini viene fatta a motori spenti. La qualità delle immagini riprese è limitata solo dal seeing, visto che non ci sono parti meccaniche in movimento.

Esistono evidentemente anche alcune limitazioni di cui è necessario tenere conto.

Il tempo di ripresa è limitato dalla geometria del sistema utilizzato e dalla declinazione dell'oggetto inquadrato e non può essere modificato. Oggetti a declinazione elevata non possono essere ripresi perchè la velocità di rotazione delle stelle, all'interno della stessa immagine, cambia in modo sensibile da un lato all'altro della foto e non è possibile avere tutte le stelle puntiformi (rotazione differenziale).

In ogni caso la tecnica del Drift Scan è un metodo semplice per acquisire immagini di qualità utilizzando una strumentazione minimale e rappresenta l'unica tecnica possibile per riprese deep-sky con telescopi con montatura non motorizzata anche di tipo Dobson.

Marco Paolilli

Sezione Astrofotografia

Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li posta, tutto il resto ® 2008 http://astrofotografia.uai.it
SEO Blog | Photoshop CS6 keygen
PHP-Nuke è un software libero rilasciato con licenza GNU/GPL.
Versione PHPNuke Donkeys by www.phpnukefordonkeys.com
Webmaster Gennaro Cinquegrana (rino) & Christian Gentile (MisterMAD)
Generazione pagina: 0.07 Secondi